29 ottobre 2010

Riconsiderare i fini del proprio lavoro

"L'idea che lavorare sia un contrappasso doloroso ma necessario per portare a casa uno stipendio è recente. E' stata proprio la mancata consapevolezza dei fini del proprio lavoro a favorire la crisi: è tempo di ricominciare, riconoscendo che vi è dignità solo dove si produce un beneficio al contempo per sé e per la società"

Sul tema e dintorni: Il diritto alla disoccupazione creativa e Il lavoro ombra di Ivan Illich. Li segnalo ma sono introvabili. Molto interessante anche L'uomo artigiano di Richard Sennet e Vita activa di Hannah Arendt.

(Foto Claudio Silighini)

Nessun commento: